Lunedì, 27 Aprile 2009 01:00

VECCHIETTO ALL

VECCHIETTO ALL’OSPIZIO

 

Drento na casa, come tante,
la solita storia der vecchietto, ch’è diventato mpeso.

Vedi che la “persona aggiunta”, piena de gioia,
sta a riempì, co quattro stracci, na valigia de cartone,
mentre ch’er vecchio, mogio mogio,
se guarda intorno trasognato.

L’aggiunta, che nun lo vole più, dice con allegria:
“A papà, ce devi annà tranquillo, l’ospizio è bello,
se magna bene e c’è er divertimento, e lì,
io so sicura, ce poi campà n’antri vent’anni.”

Er vecchio la sente chiacchierà senza capicce gnente,
ma drento all’occhio, cià come na stilla,
che gioca a nisconnerella poi, piano piano, sorte fora, scivola sur viso e,
senza fa rumore, casca pe tera.

T’ariva, intanto, er discennente trafelato:
“Dai, annamo, che ce stà aspettà chi ce accompagna.”

Er vecchio, stancamente, s’arza, ma poi ricade giù, e,
co na voce che se sente appena:
“Nun jela faccio”, e pensa:
“Ma n’era meio si menerò annato,
me potevo evità sto dispiacere.”
Se guarda intorno:
“Lasso ste quattro mura piene de ricordi”.

Mo l’occhi sereno arossati pe le lacrime, che scenneveno a catinelle.

Ner vedè sta gran disperazione,
er fio capisce e nun se po’ frena.
Pia la valigia, e la sbatte drento n’armadio, e poi,
come tornato regazzino che t’ha combinato n’antra marachella,
dice piagnenno:

“Perdoneme papà, nu lo faccio più”.



G.G.

Letto 1213 volte
Altro in questa categoria: « RAMO DI QUERCIA ANGELO »